Protezione civile, ecco fondi alla penisola. Ma Sorrento non c’è. Il sindaco di Meta Tito: «Mai richiesti»

Protezione civile, ecco fondi alla penisola. Ma Sorrento non c’è. Il sindaco di Meta Tito: «Mai richiesti»

Protezione civile, 40.000 euro alla penisola. Ma Sorrento non c'è. Il sindaco di Meta Tito: «Nessuna richiesta»

«Io lavoro sempre per la mia terra». Il “sindaco del popolo” di Meta Giuseppe Tito va ancora a segno, conquista altri finanziamenti per i Comuni della penisola sorrentina e rilancia tutto sui social network. Quasi come se volesse dare l’impressione di poter divenire un punto di riferimento verso le elezioni Politiche. E non è un mistero che da tempo ha chiesto – senza successo – di trovare un candidato unico per la Camera dei deputati.

Fatto sta che Tito, da consigliere della Città metropolitana di Napoli del gruppo Pd, porta a casa circa 40mila euro di fondi per la protezione civile. Ne beneficeranno i Comuni di Vico Equense (13mila euro), Meta (6.800 euro), Piano di Sorrento (9mila euro), Sant’Agnello (6.800 euro) e Massa Lubrense (5mila euro). Oltre a ciò si aggiungono altri 16mila euro per Castellammare di Stabia. All’appello manca soltanto Sorrento. Perché, consigliere Tito? «Non mi risulta che siano state avanzate richieste di finanziamento all’ente metropolitano…» sussurra il sindaco di Meta. Che però rilancia il suo intervento – l’ennesimo a palazzo Matteotti – provando ad aumentare pure il suo appeal. «Si lavora sempre per tutti – dichiara Tito -. Nel mio ruolo di rappresentante del territorio faccio il massimo. Per la protezione civile sono in arrivo risorse economiche fondamentali che serviranno a migliorare i dispositivi di intervento e le strategie di prevenzione. La penisola sorrentina deve restare unita e non dividersi per ego o questioni di campanile».

Il riferimento del primo cittadino di Meta sembra essere diretto alla questione delle elezioni. Da mesi Tito sta invitando i suoi colleghi sindaci a trovare un’intesa che possa permettere a un esponente politico del territorio di candidarsi, magari alla Camera dei deputati, evitando fratture e divergenze. Non ce l’ha fatta finora visto che il sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani e il primo cittadino di Sorrento Giuseppe Cuomo vogliono scendere in campo.

Tito, dal suo canto, ormai si è tirato fuori da questo dualismo ed ha smaltito le tossine delle polemiche sorte in passato con il segretario cittadino del Partito democratico di Meta Paolo Trapani, intanto rieletto alla guida del direttivo locale. Tant’è che nel corso dei prossimi giorni ci sarà l’istituzione del gruppo consiliare democrat.


ULTIME NEWS