Ercolano, si allaga la statale del Vesuvio: automobilista intrappolato nel pantano

Ercolano, si allaga la statale del Vesuvio: automobilista intrappolato nel pantano

Ercolano, si allaga la statale del Vesuvio: automobilista intrappolato nel pantano

Ercolano. Non solo incidenti e traffico, ennesima tegola per via Benedetto Cozzolino. E’ bastato un breve temporale per trasformare la statale del Vesuvio in una sorta di maxi-piscina: un pantano di acqua e fango in cui è rimasto intrappolato un incauto automobilista.

Evidentemente ignaro dei «pericoli» nascosti tra le curve e i lunghi rettilinei della strada di collegamento tra Torre del Greco, Ercolano e Portici. Intorno alle 21 l’acquazzone ha raggiunto il massimo della potenza, le raffiche di vento hanno trasformato le gocce di pioggia in lame e via Benedetto Cozzolino si è trasformata in una sorta di maxi-piscina, precisamente a pochi metri dal distributore di benzina Q8 e da via dei Cedri. La vallata che porta verso Torre del Greco si è letteralmente riempita d’acqua, ma qualche automobilista temerario – probabilmente perché non conosceva altre strade di collegamento – ha avuto la peggio: al volante della sua Fiat Punto ha deciso di azzardare e fronteggiare la maxi-piscina. Una scelta audace che come risultato ha avuto un tentativo fallimentare, perché non appena le quattro ruote hanno raggiunto lo specchio d’acqua, la vecchia utilitaria è letteralmente rimasta bloccata. Inutili i tentativi di passare velocemente dalla prima alla retromarcia, l’auto non si è mossa neanche di un millimetro. Immediatamente l’uomo ha lasciato l’abitacolo e ha chiesto soccorso ai passanti: nonostante l’incessante pioggia, alcuni testimoni della scena – evidentemente armati di pazienza – hanno aiutato il malcapitato a spingere l’auto. Dopo diversi faticosi tentativi la vettura è stata liberata, ma ha riportato danni al motore: la Fiat Punto raggiunta dall’acqua fino al motore non ha dato più segni di vita, così allo sventurato automobilista non è rimasta altra scelta che non abbandonare il mezzo e provvedere a chiamare un carro attrezzi.


ULTIME NEWS