Gragnano. Angelo è morto sul colpo, fatale il trauma cranico

Gragnano. Angelo è morto sul colpo, fatale il trauma cranico

Angelo è morto sul colpo, fatale il trauma cranico

Angelo Cesarano è morto sul colpo per «trauma da impatto», nel tragico pomeriggio di Natale. I tasselli cominciano a ricomporre un puzzle complicato e pian piano la ricostruzione del drammatico incidente diventa sempre più chiara spingendo via bugie e mistero. L’autopsia ha fornito altri dettagli importanti per arrivare alla verità e dopo nove giorni di indagini presto potrebbe arrivare la svolta dalle telecamere di videosorveglianza installate nei pressi di una scuola e che inquadrano uno scorcio della strada lungo la quale ha trovato la morte Angelo Cesarano. Intanto, ieri mattina è stata ascoltata la moglie di Angelo Cesarano che ha raccontato le ultime ore di vita di suo marito, fino a pochi minuti prima dell’impatto in viale delle Puglie. In settimana anche altri parenti della vittima saranno ascoltati dagli inquirenti, e poi sarà il momento delle 20 persone che in un modo o nell’altro si sono trovate sul luogo dell’incidente subito dopo l’impatto. Restano comunque due le persone sospettate, una coppia di Sigliano.

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA +++