Vico Equense. “Angela, ti aspetto”, la poesia dei genitori Celentano

Vico Equense. “Angela, ti aspetto”, la poesia dei genitori Celentano


«Ti aspetterò come il mare aspetta di baciare il sole al tramonto». Non è solo una semplice citazione dello scrittore Mirko Sbarra. E’ qualcosa di più. E’ un urlo. Una preghiera. Un sussulto. Un desiderio lungo oltre 21 anni. E’ l’appello di una famiglia che spera di poter riabbracciare quella bambina oggi diventata donna, sparita nel mistero. A postare la poesia è Rosa Celentano, la sorella di Angela Celentano, la bimba scomparsa sul Monte Faito il 10 agosto del 1996. Da allora tante inchieste e speranze, che purtroppo si sono infrante contro una verità a metà. Di Angela neppure l’ombra, almeno per adesso, anche se la Procura di Torre Annunziata non smette di lavorare sul caso impiegando energie e mezzi.