Boscoreale. Cacciatore nei guai per bracconaggio

Boscoreale. Cacciatore nei guai per bracconaggio

Cacciatore nei guai per bracconaggio

Un uomo e’ stato identificato e denunciato per detenzione di avifauna protetta e gli uccelli sono stati portati al Centro Recupero Animali Selvatici di Napoli, per sottoporli ad una serie di cure prima di restituirli alla natura. Questo il risultato di un’azione compiuta ieri nel comune di Boscoreale (Na) dalle Guardie giurate Zoofile-Venatorie del Wwf con il supporto dei Carabinieri Forestali, diretti dal generale Sergio Costa. Nel corso del monitoraggio che rientra nel piano contro il bracconaggio e la vendita illegale di avifauna protetta, alcune persone vicine a delle gabbiette per il trasporto di uccelli sono state avvistate dalle guardie in via Marra e lungo un marciapiede. Le stesse, alla vista dei militari e delle guardie, si sono dati alla fuga lasciando sul marciapiede dieci gabbie contenenti 10 cardellini di vecchia cattura, la cui vendita illegale avrebbe prodotto notevoli guadagni. “Ringrazio personalmente il generale Sergio Costa per il continuo e costante supporto offerto nelle tante operazioni eseguite sul territorio regionale”. Cosi’ Alessandro Gatto, coordinatore regionale delle Guardie Giurate Venatorie-Zoofile del Wwf, evidenziando il “lavoro fondamentale dei Carabinieri Forestali per il contrasto al bracconaggio e alla vendita illegale di avifauna protetta”.