Salvatore Esposito, il “Genny” di Gomorra: “Baby gang? La colpa non è della tv”

Salvatore Esposito, il “Genny” di Gomorra: “Baby gang? La colpa non è della tv”

Salvatore Esposito, il "Genny" di Gomorra: "Baby gang? La colpa non è della tv"

“Quando i giovani sono sostenuti da due basi solide ossia una famiglia sana e istituzioni presenti – che dovrebbero sempre tutelare, istruire e proteggere i giovani – sanno riconoscere il bene dal male aldila’ di cio’ che vedono in tv”. Lo afferma su facebook Salvatore Esposito, l’attore che interpreta Genny Savastano nella serie tv Gomorra, al centro di polemiche in queste settimane da parte di chi la accusa di dare il cattivo esempio ai giovani che nella vita reale fanno arte delle “baby-gang”. “Se invece – prosegue l’attore partenopeo – anche solo una di queste basi manca (come purtroppo accade da qualche anno) allora il problema non e’ una serie tv e diffidate di chi vi dice il contrario”. Esposito nel suo post risponde a diverse domande dei fan su vari temi ma ancora sulle polemiche aggiunge: “In base ai recenti fatti di cronaca avvenuti a Napoli, Milano, Verona cosa mi sento di dire? Assoluta vicinanza alle vittime di questi ignobili atti e condanno con assoluta fermezza sia chi commette questi atti vili ma anche chi volta la testa dall’altra parte”.