Castellammare. Risse in villa, ecco come reagisce il Comune

Castellammare. Risse in villa, ecco come reagisce il Comune


Quattro telecamere in più. Quattro nuovi occhi elettronici installati sul lungomare per garantire maggiore sicurezza e facilitare il lavoro delle forze dell’ordine. Il Comune prova a correre ai ripari dopo gli ultimi raid accaduti a Castellammare e aumenta il numero di telecamere puntate sulla villa comunale, con l’obiettivo di mettere a disposizione degli investigatori uno strumento fondamentale per la repressione e la prevenzione degli episodi di violenza. Le ultime indagini condotte dalle forze dell’ordine hanno dimostrato tutta l’utilità degli occhi elettronici, che sono stati determinanti per risolvere gran parte dei casi che si sono verificati tra il 2017 e l’inizio di questo 2018. 

Nei prossimi mesi, inoltre, potrebbe essere attuato anche il protocollo sottoscritto tra Prefettura e Confcommercio che prevede l’installazione delle telecamere, con la possibilità di vedere la strada, all’esterno di tutte le attività commerciali a rischio rapina. In particolare gioiellerie, tabaccherie, pompe di benzina e farmacie. 

Un accordo che garantirebbe una vera e propria svolta dal punto di vista della repressione dei reati, perché consentirebbe di avere una copertura quasi totale della città, considerando anche l’impegno assunto dal Comune di ampliare il sistema di videosorveglianza. Con le 4 nuove telecamere installate in villa comunale sono 106 gli occhi elettronici puntati sulla città, ma l’obiettivo di aggiungerne almeno altre 20 per controllare meglio anche le periferie.