Macerata. Spari su immigrati, fermato un 28enne. Vendetta per Pamela?

Macerata. Spari su immigrati, fermato un 28enne. Vendetta per Pamela?

Spari su immigrati, fermato un 28enne

Una serie di spari da un’auto in corsa hanno seminato il panico a Macerata facendo alcuni feriti, tra cui due stranieri. Un giovane è stato fermato dai carabinieri e portato in caserma: si chiama Luca Traini, 28 anni, è incensurato e originario delle Marche. Quando è stato bloccato ha fatto il saluto fascista.

I colpi di pistola sono partiti da un’Alfa Romeo 147 nera che si spostava per le vie della città, sparando e terrorizzando i cittadini. L’uomo è sceso dall’auto, si è tolto il giubbetto, ha indossato una bandiera tricolore sulle spalle, salendo sui gradini del Monumento. Si è poi girato verso la piazza, ha fatto il saluto fascista. Poi sono arrivati i carabinieri, ha ammesso le proprie responsabilità e non ha opposto resistenza. A bordo dell’auto la pistola, una tuta mimetica, piume bianche. 

Gli spari in particolare in via Cairoli, in via Spalato e anche in via dei Velini, zone toccate dalle indagini per il caso di Pamela Mastropietro.