Boscoreale. Si ribellò alle forze dell’ordine, arrestata moglie del boss Padovani

Boscoreale. Si ribellò alle forze dell’ordine, arrestata moglie del boss Padovani


La moglie del ras Antonio Padovani, fratello del boss Carlo, condannata per resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di Patrizia Sordillo, 47 anni, residente nel Piano Napoli di via Passanti Scafati. Dovrà scontare una pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione, commutata ai domiciliari. Ma dovrà filare dritto perché alle prime irregolarità potrebbe il giudice disporre il trasferimento in carcere. 

Sordillo era stata sorpresa in possesso di 15 grammi di marijuana che nascondeva in una tasca del jeans durante la visita in carcere al marito, attualmente detenuto. A sorprenderla con lo stupefacente, furono gli agenti della polizia penitenziaria del carcere di Bellizzi Irpino. Sulla provenienza della droga, la 35enne sottolineò di non saperne nulla. Un episodio che le costò il processo l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Poi l’assoluzione lo scorso anno dinanzi al Gup di Avellino per «non aver commesso il fatto».