Castellammare. Compravendita sospetta, nei guai Marina di Stabia

Castellammare. Compravendita sospetta, nei guai Marina di Stabia


Dal sogno di aprire i cantieri per realizzare case per vip, a guai giudiziari per la compravendita sospetta di un’area di 1.750 metri quadri: il passo è breve per Marina di Stabia. Il giudice del Tribunale di Torre Annunziata, Massimo Palescandolo, ha annullato l’atto relativo all’acquisizione di un capannone di corso Alcide De Gasperi di proprietà della C.M.C. spa – firmato nel 2013 – e ordinato la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica perché sarebbe stata riscontrata «mala fede» (questo il termine utilizzato dal giudice nella sentenza del 26 gennaio 2018), nel comportamento delle due società. 

+++L’ARTICOLO COMPLETO OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++