Stadio Bellucci, fine dell’incubo. Lo Sapio: “Riaprirà presto”

Stadio Bellucci, fine dell’incubo. Lo Sapio: “Riaprirà presto”

Stadio Bellucci, fine dell'incubo. Lo Sapio: "Riaprirà presto"

Gli impianti sportivi restano sotto la lente di ingrandimento del Comune di Pompei. Dopo i primi sopralluoghi del vicesindaco, Carmine Massaro, nonché delegato allo sport, e del consigliere di maggioranza, Luigi Lo Sapio, l’operazione di riqualificazione procede spedita. I fari restano puntati sullo stadio Vittorio Bellucci, l’impianto finito al centro di un finanziamento di 1,4 milioni di euro e che i cittadini hanno definito «un pezzo di storia dimenticato». L’obiettivo dell’amministrazione targata Pietro Amitrano è riaprirlo il prima possibile. E il conto alla rovescia è ormai cominciato. Ad assicurarlo è Luigi Lo Sapio, tra i volti più giovani del consiglio comunale di Pompei, da tempo impegnato nel restyling delle opere che possano favorire il sociale. «Il Bellucci riaprirà, manca ormai pochissimo – promette – non c’è stato alcun tipo di rallentamento nel progetto. Anzi. Manca soltanto un ultimo step per rivederlo brillare come un tempo». Luigi Lo Sapio illustra i dettagli degli ultimi lavori da dover garantire alla struttura di via Lepanto. «Al momento bisogna fare la pavimentazione. I lavori si concentreranno ai lati della struttura, dove c’erano gli spalti. Andranno installate delle tubature che permetteranno il drenaggio dell’acqua. Assicurato questo, si procederà con gli arredi per gli spogliatoi. Ringrazio l’Ufficio Europa per le direttive precise che ci sono state garantite, così come l’ingegnere Maio. Presto saremo pronti anche per ottenere l’omologazione da parte della Lega Nazionale Dilettanti. Dovremo provvedere anche a un sistema assicurativo per le associazioni», conclude.

Conclusi i lavori strutturali e ultimato il campo di gioco, per rendere fruibile lo stadio Vittorio Bellucci mancano soltanto gli ultimi interventi minori, tra cui la pavimentazione del tratto in cui realizzare la tribuna e l’acquisto degli arredi per lo spogliatoio. L’impianto potrebbe puntare su delle tribune di una capienza variabile da 80 a 150 posti ciascuna, in base alla presenza o meno di sedili.

 

Sport in periferia

Non soltanto lo sport nel cuore di Pompei. L’amministrazione sta lavorando anche per estenderlo in periferia. Come? Attraverso la realizzazione di un super centro polifunzionale, finito al centro di progetto finalizzato all’ottenimento di un mutuo a tasso zero dall’Istituto di Credito Sportivo, così come stabilito da un protocollo di intesa con l’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani – firmato lo scorso maggio. E’ di 850mila euro il valore dell’operazione che assicurerebbe l’Istituto di Credito Sportivo, a patto che in vent’anni la cifra venga poi restituita. Lo scorso 30 novembre il Rup – responsabile unico del procedimento, il geometra e progettista Salvatore Giugliano – ha proceduto alla validazione del progetto, presentando tutti gli interventi che andrebbero fatti nella struttura, dopo aver disposto tutte le verifiche del caso. Il centro polifunzionale per lo sport andrebbe realizzato in via Monsignor Di Liegro e rappresenterebbe, dunque, un primo passo per il rilancio delle zone periferiche di Pompei. La struttura ospiterebbe le discipline indoor e collettive Dal basket alla pallavolo, passando per la pallamano e l’atletica, fino al tennis. In stand-by, almeno per il momento, il Fossavalle.