Furto in casa di Nedved, condannato il giardiniere

Furto in casa di Nedved, condannato il giardiniere


La Corte di Appello di Torino ha confermato la condanna a un anno e otto mesi di carcere per il giardiniere della villa di Pavel Nedved per il furto commesso nel 2010 all’interno della proprieta’ dell’attuale vice presidente della Juventus. L’imputato era considerato il basista dei ladri. Alla scorsa udienza con una mossa a sorpresa la Procura Generale aveva chiesto l’assoluzione del giardiniere. I ladri, approfittando di un periodo di vacanza di Nedved e della sua famiglia, entrarono nella villetta all’interno del Parco della Mandria, in provincia di Torino, e si impadronirono di gioielli, denaro e orologi per 450 mila euro.