Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

Retro Classic, tastiera vintage ma high-tech

La AZIO è una corporation californiana che rivela già nel nome (è l’acronimo di “Dalla A alla Z, Input-Output) la sua mission. È un produttore di periferiche per computer, tecnologicamente all’avanguardia ma facili da utilizzare, progettate, attraverso l’oculata scelta di materiali, finiture e colori, per essere un perfetto mix di eleganza e funzionalità, partendo dall’assunto che il design non impatta solo sulle percezioni fisiche ma genera emozioni.

Un’esemplificazione della filosofia aziendale è rappresentata senza dubbio dalla Retro Classic, una tastiera meccanica per computer, finanziata con una raccolta fondi su Indiegogo e lanciata nell’agosto dello scorso anno. Ispirata nell’estetica alle macchine da scrivere d’epoca ha copritasti rotondi, montati su una superficie, rivestita in vera pelle o legno, con una resistente cornice in lega di zinco-alluminio, fissata con bulloni esagonali che conferiscono un ulteriore tocco vintage.

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

È possibile scegliere tra 4 possibili varianti: ONYX in pelle nera con cornice color nero cromato, POSH in pelle bianca con cornice in rame opaco, ARTISAN in pelle nera con cornice in rame opaco, ELWOOD in legno di noce con cornice canna di fucile opaca.

È disponibile nella versione solo cavo o Bluetooth+USB ibrido, quella da noi provata. In questo secondo caso sono supportati sia il layout del sistema operativo Windows che quello Mac. Se viene selezionata la modalità Mac, mediante lo switch integrato, bisognerà montare dei copritasti specifici, presenti nella confezione di vendita, che, al pari del prodotto in essa contenuto, trasmette una sensazione di lusso ed esclusività. All’interno della scatola trovano posto anche un cavo USB-USB tipo C, un panno di pulizia in microfibra, la guida utente e il certificato di garanzia.

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

La Retro Classic è una tastiera standard a 104 tasti conforme al layout ANSI, che misura 455x147x40 mm e pesa quasi 1,6 Kg. Ha 4 piedini, con bordi della stesso colore dei copritasti, con quelli posteriori, che possono estendersi linearmente, avvitandoli/svitandoli, consentendo la regolazione dell’inclinazione.

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

Un’ispezione ravvicinata della tastiera rivela la cura artigianale con cui è assemblata. Bella la targhetta, con impresso il nome del prodotto, posta tra i tasti di controllo e i tasti freccia, realizzata in alluminio anodizzato spazzolato di prima qualità. I copritasti sono invece in plastica, compresi i bordi color rame, ma il lavoro di verniciatura è così buono da ingannare l’occhio.

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

Gli interruttori meccanici dei tasti sono dei Kailh Typelit caratterizzati da una corsa ridotta e da un feedback tattile chiaramente udibile, che evoca il rumore delle vecchie macchine da scrivere. Il LED di retroilluminazione si trova al centro di ciascun tasto, consentendo alla tastiera di illuminarsi in modo uniforme. In alto a destra ci sono quattro LED indicatori, tre per i comuni tasti Caps / Num / Scroll e un quarto che indica se il tasto Win è bloccato o meno.

Quando si tiene premuto il tasto Fn, i tasti F1-F4 lanciano le applicazioni di sistema base, F5-F8 attivano i comandi di controllo multimediale, F9-F11 controllano il volume del suono, F12 avvia la calcolatrice, i tasti freccia regolano la retroilluminazione e, infine, premendo il tasto Win lo blocca. Sul retro la porta USB tipo C per collegarla ai PC Windows e/o ricaricare la batteria interna agli ioni di litio da 6000 mAh.

Retro Classic, una tastiera vintage ma high-tech

Se collegata via Bluetooth, con retroilluminazione spenta, l’autonomia è di oltre un anno, con retroilluminazione accesa, tra 1 e 2 mesi, a seconda dell’intensità della retroilluminazione.

A valle del nostro test, durato oltre una settimana, possiamo dire che la Retro Classic, per lunghe sessioni di scrittura o per il gaming, non è la tastiera più comoda in circolazione, a causa della forma dei tasti, della corsa ridotta degli interruttori meccanici e dell’inclinazione. Siamo però certi che chi si “innamora” di un prodotto del genere, unico per design e materiali, sia disposto a passare sopra i piccoli limiti ergonomici e a far fronte ad una cospicua spesa di 189.99 dollari per la versione solo cavo e 219.99 dollari per quella Bluetooth+USB ibrido. Per ora si può acquistare solo nel sito del produttore ma a breve dovrebbe arrivare anche su Amazon.