Torre del Greco/Ercolano. Tornano liberi i ras dei Papale, riesplode l’incubo camorra

Torre del Greco/Ercolano. Tornano liberi i ras dei Papale, riesplode l’incubo camorra


Era finito al centro del blitz “Bolla Papale”, la mega-inchiesta anti-camorra che decapitò la santa alleanza delle estorsioni a Torre del Greco. Era considerato una figura chiave, un perno dell’organizzazione criminale attiva anche a Ercolano. E dopo 8 anni vissuti dietro le sbarre, Michele Ciaravolo, cugino del boss Luigi Papale, è tornato libero. Ha scontato la sua pena, così come altri soggetti coinvolti in quel processo e ritenuti legati – a doppio filo – al clan dei “siciliani” trapiantati all’ombra del Vesuvio. Una raffica scarcerazioni “eccellenti” – secondo gli investigatori – capaci di riaccendere i riflettori delle forze dell’ordine sugli equilibri criminali nel Miglio d’Oro.