Scafati. Produce statue in uno stabile abusivo, accusato di plagio

Scafati. Produce statue in uno stabile abusivo, accusato di plagio


Due attività “concorrenti” entrano in rotta di collisione e ne scaturisce una battaglia giudiziaria, che vede il proprietario di un capannone a Scafati destinatario di un’ordinanza di demolizione. Il contenzioso vede protagoniste due aziende che si occupano della produzione di statue sacre. La prima, con sede nel territorio di Napoli, ha deciso di proporre un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale contro l’altra, situata invece a Scafati, per via di alcune produzioni fin troppo simili tra loro. Nel dettaglio, l’esercente napoletano ha accusato il collega di prendere spunto dalle sue creazioni in modo fin troppo evidente.