Aversa, rivoluzione parcheggi: il nuovo regolamento sfida i parcheggiatori abusivi

Aversa, rivoluzione parcheggi: il nuovo regolamento sfida i parcheggiatori abusivi


Aversa. Via libera in Giunta alla nuova gara per l’affidamento della gestione della sosta a pagamento nella piccola e bella cittadina normanna: è stata, infatti, firmata la convenzione tra Comune ed EAV, la nota società di trasporti campana, grazie alla quale alcune zone dell’area cittadina verranno riqualificate e messe al servizio dei cittadini, in forma di posteggi e stalli, con l’obiettivo di risolvere il problema della mobilità veicolare in città.

Il problema e, sinceramente, annoso e rappresenta una delle criticità più significative di Aversa, le cui strade, nell’ora di punta, sono così impraticabili da costringere i cittadini a spostamenti a passo d’uomo e a chilometriche code.

Il contenzioso tra i due Enti ha avuto origine nel 2006 quando furono concessi al Comune alcuni beni ferroviari dismessi e in disuso, per i quali non furono versati i dovuti canoni ma sui quali furono eseguiti lavori di pulizia e manutenzione. S’innescò, quindi, una spirale di rivalse e recriminazioni che ha prodotto negli gli anni una situazione di stallo, che sembra essere stata risolta con la convenzione firmata in questi giorni: il Comune potrà utilizzare le aree di proprietà di EAV, sulle quali, però, si impegna realizzare, a sue spese, parcheggi per i cittadini, riservandone, a prezzi agevolati, una cospicua porzione a chi utilizzerà i mezzi pubblici.

Sei sono le aree in cui è stato suddiviso il territorio cittadino, in modo da poter separare le aree centrali da quelle periferiche, poiché rispondono indubbiamente a esigenze diverse dell’utenza. La tariffa di sosta media è di 1 Euro, che sale a 1,50 Euro in prossimità del centro storico e scende a 0,50 Euro nei parcheggi di interscambio, ossia i punti di snodo che vengono utilizzati da chi prosegue il suo viaggio quotidiano con i mezzi pubblici cittadini.

Previste area di sosta dedicate a disabili e donne con bambini al seguito, agevolazioni per i cittadini residenti e incremento delle “strisce bianche” gratuite. Un occhio di riguardo verrà prestato anche alle modalità di pagamento, con la promessa che si cercherà di promuovere l’utilizzo di strumenti innovativi, quali App o carte di pagamento di ultima generazione, come le prepagate che spopolano anche tra i giovani, tipo la Genius Card di UniCredit, tanto per citare una delle più popolari(approfondimenti su http://www.migliorcontocorrente.org/genius-card.htm).

Il progetto ha anche l’obiettivo di combattere i parcheggiatori abusivi che hanno colonizzato la città e possono permettersi di agire indisturbati proprio a causa della mancanza di una regolamentazione efficace delle aree di sosta, vere e proprie “wild zone” in mano a bande di criminali che mettono in atto estorsioni ai danni degli automobilisti aversani che si trovano costretti a corrispondere a ciò che viene loro richiesto con prepotenza e tono minaccioso.

Per diventare operativa la convenzione dovrà essere ratificata dal Comune, operazione che ci auspichiamo non debba incontrare ostacoli di sorta, anche perché si sta parlando di quella che è, in ultima analisi, non solo una riqualificazione funzionale e territoriale, ma anche, e soprattutto, una necessità improrogabile che renderà Aversa molto più vivibile e a misura di cittadino.