Portici, degrado negli uffici comunali: esplode la rabbia dei lavoratori

Portici, degrado negli uffici comunali: esplode la rabbia dei lavoratori

Portici, degrado negli uffici comunali: esplode la rabbia dei lavoratori

Portici. Uffici comunali nel degrado: dipendenti ammalati per lo stress, scoppia la polemica. A scatenare l’ennesimo caso all’ombra della Reggia le condizioni in cui versano i locali di traversa Ferraro a due passi da corso Garibaldi, in particolare dopo le elezioni politiche del 4 marzo. Quando, a causa di un guasto all’unica stampante, i cittadini non hanno potuto rinnovare la tessera elettorale e, dunque, votare, sfogando la propria rabbia sui lavoratori in forza all’ufficio demografico, stato civile ed elettorale dell’ente. A una settimana esatta dal voto, la rabbia si ripropone e i lavoratori si affidano ai sindacati per ottenere un po’ di dignità in ufficio e per evitare di ammalarsi per lo stress. «Innanzitutto il locale al piano zero non è mai stato oggetto di ristrutturazione esponendo i dipendenti a rischio infortunio – scrive in una lettera indirizzata al sindaco e ai dirigenti il responsabile sicurezza della sigla sindacale Csa, Antonio Di Santi -. Inoltre, si fa presente che i dipendenti a causa della riduzione del personale e del cattivo funzionamento degli strumenti in dotazione ai servizi demografici, stato civile ed elettorale, sono sottoposti a grossi carichi di stress. A cui si aggiungono le aggressioni verbali dell’utenza, indispettita dalle lunghe attese scaturite dal malfunzionamento dei servizi, che gravano in stati d’ansia». La lettera di sensibilizzazione – inoltrata al sindaco Enzo Cuomo, all’assessore servizi demografici del Comune e ai dirigenti – racconta le condizioni in cui sono costretti a lavorare gli impiegato degli uffici pubblici di traversa Ferraro. «Gli ambienti sono insalubri – prosegue l’accusa – per l’eccessiva presenza di materiale cartaceo che influisce negativamente sul microclima. In particolare durante il periodo estivo in cui non sono rispettati i limiti attinenti alla temperatura prevista dalla normativa del lavoro. Voglio ricordare – conclude il rappresentate per la sicurezza – che è obbligo del datore di lavoro tutelare la salute psicofisica dei dipendenti, per tanto chiediamo di intervenire e risolvere i punti elencati». Dunque condizioni veramente pessime – stando alla lettera dei sindacato – negli uffici comunali demografici situati in traversa Ferraro.