L’ultimo ordine del boss dalla cella «Dovete fare soldi»

Dopo l’arresto Mario Fabbrocino affidò il clan ai soldati.m Messaggio consegnato a un pregiudicato di CastellammareL’ultimo ordine del boss dalla cella «Dovete fare soldi»

L’ultimo ordine del boss dalla cella «Dovete fare soldi»
20040806- CAMORRA: PREVISTA SCARCERAZIONE BOSS FABBROCINO PROSSIME ORE- Mario Fabbrocino, in una foto d'archivio scattata all' arrivo all'aeroporto Leonardo da Vinci di Roma, da Buenos Aires. prevista nelle prossime ore la scarcerazione del boss della camorra, detenuto nel penitenziario Terni. Secondo quanto confermato da fonti della Dda di Napoli, Fabbrocino ha espiato i sette anni inflittigli in seguito ad una condanna definitiva per traffico di droga, unico procedimento per il quale l'Argentina nel 1999 concesse l'estradizione. Il boss fu arrestato in Sudamerica nel 1997: le autorita' argentine concessero l'estradizione solo per la condanna definitiva e non anche per altre inchieste a carico di Fabbrocino nell'ambito delle quali erano state emesse ordinanze di custodia cautelare. VERGATI-ARCHIVO/ANSA/PAT

San Giuseppe Vesuviano  – Sono le ultime parole del boss, pronunciate da una cella del carcere di Poggioreale e affidate a un portavoce fidato, incaricato di portare a soldati e generali della cosca l’ordine impartito dal leader bloccato dalla polizia. Dopo il suo arresto, avvenuto in un caldo pomeriggio di Ferragosto di 13 anni fa, Mario Fabbrocino – che fu sorpreso nella sua abitazione dopo aver indossato il pigiama per la pennichella post pranzo – aveva pensato a come riorganizzare il clan. Prima di essere ristretto al carcere duro, al 41 bis nel penitenziario di Terni, l’erede di Carmine Alfieri, e fondatore di una delle cosche più violente e potenti dell’area Vesuviana, s’era preoccupato di come fare per provare a portare avanti quella “famiglia” che negli anni aveva preso in mano il business delle estorsioni e dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i comuni di San Giuseppe Vesuviano, Ottaviano, San Gennaro Vesuviano e Terzigno. «Dovete fare soldi, fate quello che volete», parole che mettono in chiaro l’obiettivo di Fabbrocino.

Leggi l’articolo completo sul quotidiano Metropolis http://metropolis.ita.newsmemory.com/