Nomine dubbie a Palazzo Mayer. L’ombra di Cosentino su Scafati

Nomine dubbie a Palazzo Mayer. L’ombra di Cosentino su Scafati

Scafati – Che il clan dei Casalesi aveva ramificazioni a Scafati attraverso aziende era emerso, prima delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Luigi Cassandra, dalla relazione della commissione d’accesso nell’ambito delle 300 pagine poi confluite nel fascicolo di inchiesta sul voto di scambio politico mafioso. E a fare un quadro di Immacolata Di Saia erano stati proprio gli ispettori che ricalcavano come un «funzionario o dirigente possa occupare ruoli sensibili e delicati nonostante nei suoi confronti risultino informazioni di polizia o pregiudizi di interesse».

Leggi l’articolo completo su Metropolis in edicola o vai all’edizione digitale http://metropolis.ita.newsmemory.com/


ULTIME NEWS