Scafati. Il pentito Spinelli accusa i politici: “Compravano i voti per 20 euro”

Scafati. Il pentito Spinelli accusa i politici: “Compravano i voti per 20 euro”

«I politici a Scafati hanno sempre comprato voti, non tutti però, e dal 2008 al 2015 ho incassato molto denaro da chi si candidava. C’era chi pagava venti euro e chi trenta. Ma prendevo soldi anche per organizzare incontri elettorali con i politici». Nell’udienza preliminare sul voto di scambio a Scafati, oltre alle confidenze del pentito casalese Luigi Cassandra, sono confluite anche quelle di Dariuccio Spinelli, collaboratore di giustizia da ottobre scorso e uno degli accusatori degli amministratori di Palazzo Mayer.

Leggi l’articolo completo su Metropolis oggi in edicola o sulla versione digitale