Legalita’: Notte Bianca a Napoli, tribunale aperto a ragazzi 

Legalita’: Notte Bianca a Napoli, tribunale aperto a ragazzi 

Napoli  – “Portatore sano di legalita’”: ognuno dei ragazzi delle scuole di Napoli e provincia indossa una maglia con questa scritta. Sono i ragazzi che hanno partecipato alla “Notte bianca della Legalita’”, promossa dall’Associazione nazionale magistrati, Anm, in quattro differenti tribunali in Italia, tra cui quello di Napoli. Qui sono intervenuti il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, ma anche Kalidou Koulibaly, il calciatore che ha segnato lo storico gol del Napoli contro la Juventus due settimane fa, e l’attore Alessandro Siani. Ad accogliere i ragazzi, gli esponenti dell’Anm distrettuale, rappresentati dal presidente Giuseppe Cimmarotta. “Abbiamo aperto le porte dei tribunali ai ragazzi – ha detto – per spiegare loro il funzionamento e far capire come magistrati, avvocati e forze dell’ordine siano impegnati nella tutela della legalita’”. “Mi auguro che ai ragazzi sia arrivato il messaggio che occorre difendere la legalita’ – ha sottolineato – non e’ certo una sola giornata , occorre un grosso impegno da parte di tutti. Ognuno deve fare la sua parte e noi, come magistrati, siamo pronti”. Tutto ha inizio con la simulazione di un processo, nelle aule del Palazzo di Giustizia. Magistrati, avvocati, accusa e difesa, in aula, per spiegare ai ragazzi come funziona. La “festa” comincia poco dopo, nell’Auditorium, con l’esibizione del coro giovanile del Teatro San Carlo, diretto dal maestro Carlo Morelli. “Sono una sfida vinta – ha sottolineato Luigi de Magistris, sindaco di Napoli – quando proponemmo di fare un coro coinvolgendo i ragazzi della periferia, che avrebbero dovuto fare un concorso per entrare a farne parte, ci guardarono scettici. Invece oggi vengono accolti ovunque con grande entusiasmo”. Per Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, occorre “guardare in faccia la realta’ senza drammatizzare, dicendo con chiarezza che ci siamo avviando verso una specie di Stato di natura, nel quale prevalgono la violenza, la prevaricazione, a danno di persone normali”.


ULTIME NEWS