Fermó traffico per facilitare il raid punitivo, preso un minorenne

Fermó traffico per facilitare il raid punitivo, preso un minorenne
Napoli, 23 apr. (askanews) - Ventiquattro persone arrestate (7 in carcere e 17 ai domiciliari) e 11 indagati: è il bilancio di un blitz antidroga effettuato dai carabinieri di Torre del Greco a Ercolano, in provincia di Napoli. Le 24 ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip del tribunale partenopeo, su richiesta della locale procura, per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L'indagine è andata a colpire 11 "piazze" tra Ercolano, Portici e Torre del Greco, la maggior parte delle quali gestite da donne, dieci delle quali arrestate. I riscontri hanno permesso di bloccare in flagranza 13 persone e sequestrare circa 1,8 chili tra cocaina, hashish e crack. Agli undici indagati, a piede libero, sono stati notificati altrettanti avvisi di conclusione indagini.

Avrebbe fermato il traffico cittadino per consentire a quattro persone di mettere a segno un raid punitivo. Con questa accusa i carabinieri di Castellammare di Stabia hanno arrestato all’alba di oggi, in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale dei minori, un ragazzo di 16 anni che ora deve rispondere, in concorso, di lesioni personali aggravate, ricettazione e di detenzione e porto illegale in luogo pubblico di arma da fuoco, reati aggravati da finalita’ mafiose. La vicenda ha avuto inizio nel settembre dello scorso anno quando nella cittadina stabiese furono ferite due persone. Secondo quanto accertato dai carabinieri si tratto’ di un vero e proprio raid punitivo: uno dei due si sarebbe responsabile del pestaggio di uno spacciatore, reo di aver interrotto l’approvvigionamento di stupefacente. Le indagini hanno permesso di documentare che il minore si occupo’ di accompagnare i soggetti armati a bordo di bicicletta elettrica, fermare momentaneamente il traffico cittadino, agevolarne la fuga degli esecutori materiali del raid.


ULTIME NEWS