Accordo Regione-Fincantieri, commesse a Castellammare fino al 2020

Accordo Regione-Fincantieri, commesse a Castellammare fino al 2020

Castellammare – La Regione Campania e Fincantieri hanno firmato un protocollo di collaborazione per l’avvio di un percorso di intervento finalizzato alla realizzazione delle condizioni di mantenimento dei livelli occupazionali e di incremento del carico di lavoro dello stabilimento di Castellammare di Stabia, nonche’ allo sviluppo economico, produttivo, sociale ed occupazionale dell’area, in condizioni di sostenibilita’ ambientale. La firma, fa sapere una nota, “e’ avvenuta oggi tra Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania e Giuseppe Bono, amministratore delegato del gruppo cantieristico. Gli obiettivi delle linee fondamentali di intervento individuate dall’accordo mirano a dare un forte impulso alla valorizzazione delle eccellenze industriali e di ricerca gia’ presenti sul territorio e ad attrarre nuovi investimenti, nazionali ed esteri”. Regione e azienda opereranno “in stretta collaborazione nelle materie di mutuo interesse al fine di favorire la ripresa e lo sviluppo del territorio, la salvaguardia e la valorizzazione dell’occupazione”. In particolare, Fincantieri attribuira’ al cantiere di Castellammare di Stabia le commesse di due tronconi di navi da crociera, e comunque un carico di lavoro per il cantiere di Stabia garantito almeno sino a tutto il 2020; si impegna a mantenere la missione polifunzionale del cantiere dedicato alla costruzione di prodotti fortemente innovativi, con particolare riferimento al supporto nella realizzazione di unita’ navali militari, oltre alla costruzione di tronconi di navi da crociera e militari; “esplorera’ qualunque iniziativa in tema di ricerca promossa in ambito regionale e nazionale, cercando di attrarre finanziamenti e valutandone, volta per volta, la fattibilita’ e le possibili ricadute positive per il futuro dello stabilimento”. Fincantieri prevede, che il suo sito stabiese verra’ dedicato anche alla costruzione di nuovi traghetti di media dimensione conformi con le piu’ recenti normative in tema di sicurezza e ambiente, impiegabili in servizi di trasporto pubblico locale, per i quali, in linea anche con il recente indirizzo del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, appare sempre piu’ improrogabile il rinnovo. Infatti, la flotta navale di bandiera italiana impiegata in servizi di cabotaggio nazionale in modo esclusivo o prevalente e’ composta da 123 mezzi, di cui piu’ della meta’ con eta’ superiore a 25 anni (60% della flotta), e la contestuale introduzione di limiti sulle emissioni piu’ stringenti, dovrebbero favorirne, se non imporne, il progressivo svecchiamento. Fincantieri si impegna a verificare la possibilita’ di assegnare allo stabilimento di Castellammare intere nuove commesse di navi acquisite sui mercati internazionali. Inoltre, Fincantieri sviluppera’ iniziative nel campo della formazione, compresa una “Academy” aziendale, promuovendo accordi con istituti professionali e universita’ presenti sul territorio regionale, volti ad indirizzare e formare i giovani verso le numerose figure professionali e competenze richieste dal Gruppo, dagli operai specializzati, ai periti, ai laureati. La Regione Campania, dal canto suo, potra’ promuovere progetti di ricerca, innovazione e sviluppo produttivo in coerenza con la RIS3 e nell’ambito delle politiche per i Trasporti di superficie e la Logistica avanzata, attraverso gli strumenti di politica industriale ed eventuali accordi con il Governo nazionale, nonche’ l’ammodernamento delle condizioni logistiche esterne allo stabilimento Fincantieri utilizzando gli strumenti disponibili. Collaborera’, inoltre, all’insediamento di un centro formativo di eccellenza sul modello di “Fincantieri Academy” utilizzabile, oltre che per la formazione di alto livello del personale Fincantieri, anche eventualmente per quello di aziende industriali aventi sede in Regione, con focus all’economia del mare. La regione, inoltre assicurera’ infine ogni forma di collaborazione, anche con il Governo nazionale, finalizzata a garantire le migliori condizioni di continuita’ e sviluppo delle aree industriali, ivi comprese le relative infrastrutture, e delle attivita’ del cantiere di Castellammare di Stabia. De Luca, ha commentato: “La firma del protocollo con Fincantieri e’ motivata innanzitutto dall’obiettivo di salvaguardare e accrescere l’occupazione e lo sviluppo dello stabilimento di Castellammare di Stabia. Si tratta di un accordo del tutto originale e significativo sul piano nazionale, che formalizza l’impegno dell’azienda a una crescita produttiva all’incremento dei carichi di lavoro e dell’occupazione del nostro territorio. In questo quadro sono di particolare importanza le previsioni legate alle nuove commesse di parti e di intere navi che si intende assegnare a Castellammare. La Regione si e’ impegnata a fornire una stretta collaborazione nella realizzazione di nuovi investimenti e occupazione, cosi’ come intende verificare puntualmente, in spirito di piena partecipazione, l’attuazione di tutti gli interventi previsti”. Bono, dal canto uso, ha affermato: “Fincantieri detiene un posizionamento di mercato tale da coprire tutti i segmenti ad alto valore aggiunto della navalmeccanica. Questo primato, che rende unico il nostro Gruppo, e’ stato possibile grazie anche al profondo impegno profuso per sviluppare un portafoglio prodotti estremamente diversificato. In particolare, lo storico cantiere di Castellammare vanta referenze preziose che lo caratterizzano come un sito polifunzionale per costruzioni fortemente innovative. In quest’ottica, lo sviluppo delle competenze e delle capacita’ nei giovani ad elevato potenziale rappresenta un elemento chiave per la crescita imprenditoriale futura, consentendo il presidio delle tecnologie, e l’accordo firmato oggi concorrera’ a raggiungere proprio questo obiettivo”.


ULTIME NEWS