L’inferno di Anna. I lumini del cimitero fuori la porta di casa

L’inferno di Anna. I lumini del cimitero fuori la porta di casa
Db Milano 19/06/2013 - violenza sulle donne / foto Daniele Buffa/Image nella foto: violenza sulle donne

San Giuseppe – Vesuviano L’inferno di Anna è finito due giorni fa, quando gli uomini in divisa della stazione dei carabinieri di San Giuseppe Vesuviano hanno arrestato un 44enne di Castellammare di Stabia accusato di stalking. Una vicenda strana dai retroscena macabri e dai particolari inquietanti, capace di portare alla luce l’ennesima storia di amore malato all’ombra del vulcano che domina sul Golfo di Napoli. Lei, 40enne di Pompei e residente in un piccolo appartamento del centro del piccolo comune vesuviano, per giorni ha rinunciato a uscire di casa, non voleva più incrociare lo sguardo del suo ex compagno – lasciato circa un anno fa che l’attendeva sotto al portone. Ogni volta che lasciava la sua abitazione per recarsi a lavoro trovava sotto casa l’uomo da cui aveva deciso di allontanarsi per sempre.

Leggi l’articolo completo su Metropolis in edicola o vai alla versione digitale

http://metropolis.ita.newsmemory.com/ 


ULTIME NEWS