Teresa Palmese

Pompei: restyling Bellucci Il Comune accelera. Caccia agli sponsor

Pompei: restyling Bellucci Il Comune accelera. Caccia agli sponsor

Teresa Palmese

Pompei – Restyling dello stadio Vittorio Bellucci, il Comune ora accelera. L’Ente di piazza Bartolo Longo è pronto a sveltire le pratiche pur di rivedere brillare come un tempo il rettangolo verde di via Lepanto. Nuovi sopralluoghi, in presenza di alcuni consiglieri e dirigenti del Comune, sono stati effettuati negli ultimi giorni. Dai corridoi di Palazzo de Fusco s’è provveduto anche nominare urgentemente il tecnico – geometra Ciro La Rocca – che dovrà curare la redazione della pratica ai fini dell’ottenimento del parere da parte del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Napoli del certificato prevenzioni incendi. Prossimo step sarà poi ottenere l’omologazione dalla Lega Nazionale Dilettanti. L’obiettivo è inaugurare il campo prima della fine dell’estate, naturalmente considerando anche le tempistiche legate all’installazione della tribuna e all’arredo degli spogliatoi. Al di là di tutte le operazioni per la riqualificazione della struttura, l’Ente procederà sin da subito a incontrare le varie associazioni del territorio interessate a svolgere le attività sul campo. L’idea è “privilegiare” le realtà del territorio pompeiano, così come le scuole. Queste ultime, infatti, godranno di una corsia preferenziale: potranno contare sul Bellucci a partire dalla mattina, dove potranno svolgere le attività a titolo gratuito. Diversamente, invece, per le altre associazioni locali. Potranno essere “ospitate” sul Bellucci nel pomeriggio in cambio di un canone da pagare mensilmente. Due le associazioni interessate e che hanno già spinto il piede sull’acceleratore. Si tratta della squadra di rugby e di calcio, entrambe con la sede a Pompei. Naturalmente, però, serviranno prima degli sponsor. L’idea, almeno per il momento, è avviare un bando per stabilire chi s’aggiudicherà gli eventuali cartelloni del Bellucci. Attualmente in Comune è stato recuperato il vecchio regolamento dello sport, al quale andranno poi apportate delle modifiche che saranno votate in consiglio comunale. In giunta si discuterà, invece, delle tariffe alle quali le associazioni faranno riferimento. Tutto è ancora in fase di discussione, ma c’è una certa fretta per far tornare a brillare quello che è un gioiello di Pompei.Sin dal primo giorno l’amministrazione guidata dal sindaco Pietro Amitrano ha acceso i riflettori sull’impianto a due passi dal centro storico. Non solo. Ha anche effettuato dei primissimi sopralluoghi al Fossavalle, lo stadio fantasma situato nell’entroterra di via Nolana. Attualmente s’avverte anche l’esigenza di ampliare l’offerta in periferia. In via Monsignor De Liegro, ad esempio, si sta lavorando per realizzareun centro polifunzionale che possa ospitare varie discipline, tra cui quelle indoor. Come? Attraverso un mutuo a tasso zero dal Coni, così come stabilito da un protocollo di intesacon l’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani – firmato l’anno scorso. E’ di 850mila euro il valore dell’operazione che assicurerebbe l’Istituto di Credito Sportivo, a patto che in vent’anni la cifra venga poi restituita.