Un momento di confronto all’ospedale Cardarelli su presente e futuro

Un momento di confronto all’ospedale Cardarelli su presente e futuro

All'evento hanno preso parte, oltre ai direttori e alle rappresentanze di ciascun dipartimento, anche tutti i primari, i medici, gli infermieri liberi dal servizi

È stata una giornata di confronto, ricca di interventi e di spunti, la prima edizione del progetto «Oggi parla il Cardarelli». Un momento di confronto e di ascolto di tutte le anime che compongono l’azienda ospedaliera partenopea.

All’evento hanno preso parte, oltre ai direttori e alle rappresentanze di ciascun dipartimento, anche tutti i primari, i medici, gli infermieri liberi dal servizio, che hanno voluto lanciare un forte segnale di appartenenza.
Un momento di confronto all'ospedale Cardarelli su presente e futuro«Quella di oggi – dice il direttore generale Ciro Verdolivaè stata una giornata estremamente utile, con la quale tutti noi cardarelliani abbiamo avuto modo di parlare di eccellenze e di criticità, di presente e di futuro. Un futuro che dobbiamo garantire per continuare la storia degli 80 anni che ci hanno preceduto.
E’ stata un’occasione per tracciare le linee che contribuiranno a partire da domani a determinare le scelte programmatiche che segneranno i prossimi anni. Abbiamo deciso di dare vita a questo evento di confronto perché solo attraverso il confronto si può pensare di superare i propri limiti, di dare impulso concreto al nostro desiderio di puntare all’eccellenza a servizio dei pazienti, quei pazienti che ci scelgono affidandosi – con fiducia – nelle vostre mani».
Verdoliva, che ha fatto del confronto uno degli strumenti più efficaci nell’accrescimento del know how assistenziale, accenna anche alla “missione” che la prossima settimana porterà rappresentati del Cardarelli a Milano. «Come anticipato su Twitter dal presidente De Luca, la prossima settimana saremo a Milano nell’ambito di un protocollo d’intesa realizzato con il Niguarda. Un confronto che va avanti da mesi, che ci permette certamente di migliorare, ma anche di essere di esempio sulle tante eccellenze che ci caratterizzano».


ULTIME NEWS