Anziana trovata morta in casa, arrestato il nipote

Anziana trovata morta in casa, arrestato il nipote

Un nipote con problemi legati all’abuso di alcol e, pare, anche di natura psicologica, che l’avrebbe uccisa d’impeto con un coltello trovato in cucina. Questa la prima ricostruzione del delitto di Serramazzoni, Appennino modenese, dove in via 24 maggio tra le 18 e le 19 di ieri il 26enne Ghennadi Rizhok e’ stato arrestato dai carabinieri perche’ sospettato di aver assassinato la nonna Anna Grishchenko, 66 anni. Quando i militari sono arrivati nella palazzina che si trova al civico 576, sembrerebbe allertati da un altro parente, hanno trovato il solo giovane accanto al cadavere, all’ingresso dell’appartamento dove da tempo vive la famiglia d’origine ucraina (il padre e la madre del 26enne ieri non erano presenti). Il presunto autore del delitto e’ stato ascoltato a lungo dagli inquirenti, direttamente dentro l’abitazione, non e’ chiaro se abbia confessato o meno. Conclusi tutti gli accertamenti, Ghennadi Rizhok, ieri notte, e’ finito con le manette ai polsi. La 66enne sarebbe stata colpita con numerosi fendenti, gia’ deceduta all’arrivo sul posto del 118. Come riferito da alcuni conoscenti del 26enne, “Rizhok non era piu’ nelle condizioni mentali di stare in mezzo alla gente, ma una tragedia cosi’ non ce l’aspettavamo”. La salma della 66enne e’ stata portata alla medicina legale del Policlinico di Modena, a disposizione della procura, che probabilmente disporra’ l’autopsia.


ULTIME NEWS