Scuola: invalsi e alternanza no vincolanti per accesso maturità

Scuola: invalsi e alternanza no vincolanti per accesso maturità

Roma – Test Invalsi e Alternanza scuola-lavoro alla maturità, si cambia. E’ stato raggiunto nelle scorse ore nella maggioranza un accordo sui test Invalsi con un emendamento che non sopprime i test nell’ultimo anno delle scuole superiori ma fa sì che la prova non sia requisito – fino all’anno scolastico 2019-2020 e dunque alla maturità del 2020 – per l’accesso all’esame di Stato. Dunque, le prove si faranno ma non saranno vincolanti ai fini dell’Esame di Stato. Novità in arrivo anche sul fronte dell’alternanza scuola-lavoro che si farà ma non sarà requisito per l’accesso alla maturità. In sostanza, uno dei decreti attuativi della Buona scuola prevedeva che da quest’anno, in quinta superiore, il test Invalsi dovesse diventare requisito di accesso all’esame di maturità. Ora, con l’emendamento al Milleproroghe presentato dai relatori, la prova si sosterrà ma non sarà un requisito per l’accesso all’esame. Slitta dunque al 2020 la norma varata l’anno scorso che stabiliva che le prove Invalsi in Italiano, Matematica e Inglese per gli studenti del quinto anno delle superiori fossero requisito di accesso all’esame di maturità. Anche l’alternanza scuola-lavoro non sarà requisito d’accesso all’Esame di Stato. Con la riforma dell’Esame di Stato – che parte con la maturità 2019 – il tirocinio sarebbe dovuto entrare di diritto all’interno delle prove ed essere oggetto di valutazione per l’attribuzione dei crediti formativi. La relazione sul periodo passato lontani da scuola avrebbe dovuto sostituire la tesina in fase di colloquio orale. Non sarà così. Era stato lo stesso ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ad anticipare nei giorni scorsi la sua ferma intenzione di evitare che l’alternanza sia “al centro dell’esame orale della Maturità, come sarebbe dovuto avvenire da quest’anno”. Tutto questo in attesa del restyling complessivo dei percorsi scuola-lavoro annunciata dal ministro Bussetti che dovrebbe portare ad una revisione delle ore di alternanza, riducendole sensibilmente specie nei licei. Al momento l’obbligo, per gli studenti degli ultimi tre anni delle superiori, di svolgere le ore di alternanza è di 400 ore nei tecnici e professionali, 200 nei licei. Salta anche l’emendamento presentato da LeU e approvato al Senato prima della pausa estiva, che spalancava le porte delle Graduatorie ad esaurimento a tutti i docenti precari abilitati quindi anche ai maestri diplomati. Ora, di fatto, torna tutto come prima, le graduatorie ad esaurimento rimangono blindate e i docenti abilitati passeranno di ruolo attraverso il canale dei concorsi. Infine, sempre nel Milleproroghe si prevede che le somme della Card per la formazione dei prof non scadano a settembre, ma possano essere utilizzate entro il 31 dicembre. “I test Invalsi per l’accesso alla maturità al 2020 erano una delle tante follie introdotte dalla Buona Scuola di Renzi. Ora c’è da ripensare al sistema dei test con l’aiuto della comunità scientifica”, ha commentato il presidente della Commissione Cultura della Camera, Luigi Gallo. Mentre per Stefano Fassina, deputato LeU, “con l’emendamento soppressivo di quattro commi del Decreto Milleproroghe, introdotto grazie a LeU in Senato e approvato il 3 agosto scorso, si licenziano quasi 7000 insegnanti di ruolo e si cancellano i contratti a tempo determinato di ulteriori 45.000 insegnati. È un atto grave”.


ULTIME NEWS