Morti sospette in clinica, 5 medici indagati a Salerno. L’ipotesi di reato è di omicidio colposo

Morti sospette in clinica, 5 medici indagati a Salerno. L’ipotesi di reato è di omicidio colposo

Salerno – Almeno cinque morti sospette e altrettanti medici indagati per omicidio colposo. La Procura diSalerno vuole vederci chiaro e andrà fino in fondo per far chiarezza su un caso delicato. I sostituti procuratori Claudia D’Alitto ed Elena Cosentino, infatti, hanno acceso i riflettori su cinque decessi avvenuti nel giro di un anno all’interno di una clinica cittadina dopo che i pazienti erano stati sotto posti a interventi chirurgici. Fatalità o errore umano? Una domanda alla quale gli inquirenti proveranno a dare una risposta attraverso gli accertamenti disposti dalla Procura. Le indagini sono state affidate ai carabinieri del NucleoOperativo di Salerno. Contestualmente i pm salernitani hanno ordinato la riesumazione delle salme e conferito l’incarico a due medici legali siciliani che hanno già effettuato le autopsie sui corpi delle persone decedute. Un accertamento fondamentale per ricostruire le ultime ore di vita e provare a capire se siano stati commessi errori da parte dei medici o se vi siano altre responsabilità da parte del personale della struttura sanitaria. Sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori sarebbero finite le condizioni igieniche delle sale operatorie oltre, naturalmente, all’operato dei medici che hanno effettuatogli interventi chirurgici. Da valutare anche se fosse opportuno o meno sottoporre i pazienti all’operazione. Entro 60 giorni i professionisti incaricati dalla Procura di Salerno depositeranno le risultanze dei propri lavori, stabilendo le cause dei decessi. Ulteriori elementi saranno ricavati anche dalle cartelle cliniche, attraverso le quali sarà possibile ricostruire il percorso effettuato dai pazienti, dall’ingresso in clinica fino al giorno del decesso. Il tutto per capire se si sia trattato di una coincidenza ose dietro questa vicenda vi siano delle responsabilità. La notizia dell’inchiesta, tra l’altro, arriva a poche ore da un altro caso sospetto di sanità e per il quale la Procura di Vallo della Lucania ha aperto un fascicolo per far luce sulla morte della 54enne Antonella Casale. La donna, originaria di Agropoli, è deceduta nella notte tra lunedì e martedì all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania dopo essere stata curata, e dimessa, in tre ospedali diversi. Lunedì il medico legale incaricato dalla Procura effettuerà l’autopsia per provare a ricostruire le cause del decesso.


ULTIME NEWS