Prete di Ponticelli a Salvini, più polizia è un punto di partenza. Il Ministro sarà giovedì a Napoli

Prete di Ponticelli a Salvini, più polizia è un punto di partenza. Il Ministro sarà giovedì a Napoli

NAPOLI – “La sicurezza si crea con lo sviluppo economico ma si deve partire da un segnale forte di presenza dello Stato, che in questo momento è valutato come debole dai criminali e come distante dai cittadini. Per questo chiederemo a Salvini di partire da una maggiore presenza stabile di forze dell’ordine”. Don Federico Saporito, sacerdote a Ponticelli, alla periferia est di Napoli, anticipa così i temi che affronterà nell’incontro che con altri sei sacerdoti dell’area dovrebbe avere giovedì con il vice premier e ministro degli Interni, che sarà a Napoli. L’incontro è nato da una lettera aperta che i sacerdoti scrissero il 7 novembre: “Era una lettera – ricorda il parroco – rivolta ai fedeli, per incoraggiarli in un momento difficilissimo. C’era stata un corteo dei cittadini contro le stese e il giorno dopo ci fu un omicidio a San Giovanni a Teduccio. Un segnale duro, ora abbiamo bisogno di qualcuno che ci ascolti, perché qui la criminalità è sempre più baby, manca lo Stato e gli arresti hanno smantellato i clan che mantenevano la calma per fare le loro attività”. L’agguato a cui fa riferimento don Saporito è avvenuto infatti lo scorso 30 ottobre, vicino alla chiesa a corso San Giovanni a Teduccio, il giorno dopo la manifestazione “Più saperi, meno spari” che aveva visto in strada gli abitanti inneggiare alla cultura contro le “stese”, le sparatorie notturne dei baby criminali.    Quell’omicidio venne visto anche come un segnale della criminalità a cui non c’è risposta in un’area come la Municipalità che comprende Barra, San Giovanni e Ponticelli: “Parliamo di 130.000 persone – spiega don Federico – di un’area grande quanto Caserta, in cui c’è una sola auto della polizia che gira di giorno e di notte. Si deve partire da un segnale di presenza più forte anche per dire ai cittadini che se denunciano il giorno dopo non incontreranno solo il parente di chi ha sparato ma anche un’auto delle forze dell’ordine”. Un primo passo, dunque, che i parroci chiedono “a qualcuno che ci ascolti”, dice il sacerdote, che aggiunge “poi si potrà cominciare una serie di riflessioni su come rivitalizzare questi quartieri a cominciare dalle scuole, in cui gli insegnanti sono lasciati soli a dover mantenere gli equilibri con i ragazzi e con famiglie spesso difficili”. Su questo qualcosa già si è mosso visto che i parroci nei giorni scorsi hanno incontrato l’assessore regionale all’Istruzione, Fortini: “C’erano anche i presidi delle scuole – racconta – e abbiamo avviato un tavolo su iniziative da mettere in campo”.    Passi per restituire vita a un’area urbana in cui “i negozi chiudono presto – racconta il sacerdote – perché dopo una certa ora le strade sono pericolose. É difficile prendere un aperitivo con un amico o fare attività nelle parrocchie di sera, mentre bande di ragazzini corrono fuori a folle velocità, indisturbati. So bene che molte periferie hanno meccanismo complessi, ma su Napoli Est quello che ci turba è l’assoluto silenzio della politica che deve cominciare a muoversi. Per questo stiamo preparando una base di riflessione che consegneremo a Salvini come gli ho anticipato al telefono qualche giorno fa. Serve che qualcuno ci ascolti”.

Salvini giovedì a Napoli, per presiedere il  Comitato di sicurezza,   incontrerà anche parroci impegnati nel sociale

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, giovedì 15 novembre sarà in Prefettura a Napoli per presenziare al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica congiunto per le province di Napoli e Caserta. Nell’occasione il ministro incontrerà una rappresentanza di parroci locali particolarmente impegnati nel sociale. Alle 12 il ministro incontrerà la stampa.    I giornalisti e i fotocineoperatori che intendono partecipare dovranno inviare,  entro le ore 15 di mercoledì 14novembre, via posta elettronica, all’indirizzo ufficiostampa.pref_napoli@interno.itunarichiesta di accredito su carta intestata indicando il nominativo, il luogo e la data di nascita. I badge per la stampa saranno disponibili da domani, ore 17, presso la Prefettura di Napoli.


ULTIME NEWS