Pompei. Lacrime e incredulità al mercato dei fiori. Ora si scava nella vita dell’imprenditore

Pompei. Lacrime e incredulità al mercato dei fiori. Ora si scava nella vita dell’imprenditore

Dolore e incredulità tra gli imprenditori che lavorano al mercato dei fiori tra Pompei e Castellammare di Stabia. All’indomani del suicidio di un 38enne, che s’è tolto la vita proprio negli uffici dove lavorava come titolare di una nota azienda florovivaistica, i colleghi si dicono «sotto choc». «Non ci crediamo ancora – commentano i lavoratori che ogni giorno, alle luci dell’alba, si recano nella zona a due passi dall’ingresso autostradale -. Era una persona speciale, un uomo stimato. Tutti gli volevano bene. Non riusciamo a spiegarci perché abbia compiuto questo gesto estremo, noi stessi avremmo potuto aiutarlo se solo avesse voluto. Ora, però, è troppo tardi. Ci guarderà da lassù, tra gli angeli». Sulla morte del 38enne di Pompei, che s’è impiccato domenica pomeriggio lasciando un messaggio di scuse alla moglie e ai familiari, c’è massimo riserbo tra gli investigatori che indagano sul caso. Si scava nella vita personale dell’imprenditore pompeiano, forse afflitto da problemi personali che al momento non sono ancora chiari.


ULTIME NEWS