Campania: Raia, protocollo per il ‘Nautico’ di Torre del Greco

Campania: Raia, protocollo per il ‘Nautico’ di Torre del Greco

NAPOLI – “Ieri abbiamo ricevuto notizie confortanti per quanto riguarda il futuro dell’Istituto nautico di Torre del Greco, che ci permettono, non soltanto di distinguere in modo netto e chiaro la rotta da seguire, ma anche di ben sperare in risoluzione del problema in tempi ragionavoli. Adesso è necessario un incontro ad horas tra tutte le Istituzioni coinvolte, invitando anche i vertici dell’istituto scolastico, affinché si possa formalizzare un protocollo d’intesa tra Asl, Comune e Città Metropolitana per definire il percorso con relativi tempi”. Lo dice la consigliera regionale del Partito Democratico Loredana Raia che ha partecipato all’incontro sull’istituto nautico di Torre del Greco con il dirigente dell’edilizia scolastica della Città Metropolitana di Napoli, presso la sede di Via Don Bosco, alla presenza dei consiglieri metropolitani Giuseppe Jossa  e Michele Maddaloni e un delegato del sindaco Palomba del comune di Torre del Greco.     “Finalmente parole chiare di Città Metropolitana, dopo mesi di silenzio e l’assenza agli ultimi incontri promossi dall’Asl Na 3 Sud per discutere, insieme con L’Amministrazione Comunale, dell’annosa questione dell’Istituto, che ha paventato l’adozione di una metodologia di intervento più semplice ed immediata rispetto anche alle possibili strategie ragionate, sinora, insieme all’amministrazione comunale” ha spiegato Raia. “Quella dell’istituto Nautico è una vicenda delicata ed importante sulla quale le Istituzioni e la politica non possono indugiare oltre, nè tanto meno transigere. Va ricordato – ha precisato la consigliera – che l’Asl è proprietaria dell’immobile che ospita la scuola che, così come disposto da sentenza, deve ritornare nelle disponibilità dell’Azienda sanitaria locale”.   “Nello specifico, si tratterebbe di individuare, attraverso una opportuna manifestazione d’interesse, un suolo sul territorio comunale da acquisire all’Ente cittadino, e da cedere alla Città Metropolitana che, dal canto suo, s’impegnerebbe alla costruzione ex novo di un moderno ed efficiente istituto scolastico. Una soluzione, questa – si augura l’esponente regionale – particolarmente auspicabile, per restituire la dignità che merita a tutta la comunità scolastica”. “Stiamo parlando del futuro di tanti giovani che con entusiasmo ed in numero sempre crescente, ogni anno, scelgono questo percorso di studi che, oggi si qualifica come autentica eccellenza del territorio. Ma si parla anche della sorte di un Istituto che rappresenta la storia e l’essenza più autentica della nostra città. Per questo motivo sono impegnata in prima persona per contribuire a trovare una soluzione definitiva”, ha concluso l’esponente Pd.


ULTIME NEWS