Paura a Sant’Anastasia, crolla una parete di una scuola: contusi insegnante e due bambini.

Paura a Sant’Anastasia, crolla una parete di una scuola: contusi insegnante e due bambini.

Si grida al ‘miracolo’ a Sant’Anastasia, dopo il crollo di una parete divisoria di due aule di una scuola elementare, crollo che ha provocato contusioni ad un’insegnante di sostegno incinta di quattro mesi, e a due piccoli alunni di una classe terza situata al primo piano del plesso. “É stata la Madonna dell’Arco a salvarli” hanno detto i cittadini in attesa del lunedì in Albis quando a Sant’Anastasia è previsto il pellegrinaggio di migliaia di pellegrini e ‘fujenti’ nel santuario mariano.    Mancava poco meno di un’ora al termine delle lezioni, quando una parete in calcestruzzo cellulare che murava un’apertura tra due vani per realizzare due aule, è improvvisamente crollata colpendo al capo e ad una spalla l’insegnante di sostegno impegnata con un bambino disabile rimasto illeso.    Due i bambini contusi: uno colpito da un pezzo di mattone ad un braccio, mentre il secondo è rimasto contuso mentre scappava dall’aula tra urla, lacrime e fuggi fuggi degli alunni che hanno cercato riparo dell’atrio della scuola in attesa dei genitori. Poi l’arrivo del sindaco Lello Abete, dei carabinieri, dei vigili urbani, della dirigente scolastica Maria Capone e dell’autoambulanza: il personale sanitario ha provveduto a medicare i tre contusi e tranquillizzare il resto dei piccoli studenti e dei loro genitori.     I bambini, sotto choc, piangevano e raccontavano di aver sentito un boato e visto la parete crollare sulla maestra di sostegno rimasta leggermente ferita al capo e ad una spalla. La maestra ha preferito recarsi dal proprio ginecologo di fiducia per una visita specialistica. Oggi era l’ultimo giorno di scuola prima della lunga pausa di festività pasquali, che riporteranno i bambini a scuola il prossimo 29 aprile. Sull’accaduto indagano i carabinieri che stanno facendo accertamenti e verificando le autorizzazioni. Nel frattempo il sindaco Abete ha disposto una indagine interna: “Domani mattina nominerò tecnici e periti per gli accertamenti del caso. Non sappiamo ancora quando la parete è stata realizzata. Saranno i periti a darci le informazioni necessarie. É stato disposto il sequestro preventivo delle due aule, in modo da poter fare i dovuti accertamenti. Cose del genere non devono capitare”.    La parete divisoria sarebbe stata realizzata per murare un’apertura tra due vani, trasformati poi in aule, e le immagini del crollo, postate anche sui social network, mostrano anche gli stipiti di legno che facevano da cornice ai mattoni di calcestruzzo cellulare. I vigili del fuoco hanno effettuato i sopralluoghi per verificare che all’interno della scuola non vi siano altre pareti simili. L’edificio è stato oggetto di verifiche strutturali meno di due anni fa, e lo stato fatiscente dei cornicioni aveva reso necessario, lo scorso anno, anche la messa in sicurezza degli stessi con reti protettive. La dirigente ha preferito non commentare il crollo, spiegando che “attualmente sono in corso le indagini da parte delle autorità, che verificheranno le eventuali responsabilità”. Il crollo ha provocato polemiche politiche, e lo stesso presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, è intervenuto sottolineando che “è necessario fare controlli sulle aule”.


ULTIME NEWS