Accusato del massacro al casello autostradale: scarcerato il boss Ascione


Torre del Greco/Ercolano. Dopo 20 giorni in carcere, Michele Ascione - ritenuto dall’Antimafia l’ultimo boss del clan specializzato in spaccio ed estorsioni tra Ercolano e Torre del Greco - torna libero. Il 36enne - figlio di Mario Ascione, il capoclan ucciso in un agguato a corso Resina nel 2003 - era finito dietro le sbarre con l’accusa di aver partecipato nelle vesti di killer al duplice omicidio di Luigi Boccia e Pasquale Maiorano. Le due vittime, ritenute vicine ai Birra - rivali degli Ascione - vennero massacrate in un agguato il 28 giugno del 2005 a Ercolano.

Per questo omicidio Michele Ascione è stato arrestato il 5 dicembre scorso su esecuzione di un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Il 36enne - all'epoca sottoposto alla misura della sorveglianza speciale - era finito in carcere. Ora il colpo di scena davanti al tribunale del Riesame di Napoli.

+++ leggi l'articolo completo OGGI in edicola su Metropolis Quotidiano +++

Ciro Formisano

03-01-2018 08:00:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso