Candidatura a Roma, promessa di Razzi: "Inviterò il dittatore coreano"


ROMA - Antonio Razzi non rinuncia all'idea di candidarsi a sindaco di Roma, anzi. Intervenendo dai microfoni di Radio Cusano Campus il parlamentare di Forza Italia rilancia la sua candidatura. "Una bolla di sapone? Assolutamente no. La bolla di sapone scoppia, io non scoppio. Chi non ha preso sul serio la mia candidatura cambierà idea, sono i cittadini che devono capire a chi credere. I romani sono stanchi di chi fa politica approfittando del proprio curriculum lungo lungo di tante carte. I cittadini romani vogliono chi lavora, non chi ha le carte. Sicuramente correrò a sindaco di Roma".

Quanto alla squadra, Razzi assicura che "ci sono tantissime persone che vogliono partecipare per il bene di Roma, dovrò eliminare qualcuno. Guido Bertolaso mi piace tantissimo comunque. Potrei fare io il sindaco e lui il city manager, ma sarei disponibile anche ad affiancare Bertolaso. Vedremo cosa dirà Berlusconi".

Se dovesse diventare sindaco, Razzi si è ripromesso di portare Kim Jong-un a Roma: "Potremmo fare un gemellaggio con lui. Sicuramente lo inviteremo a un grande evento. Potrebbe venire alla finale di Coppa Italia, lui ama molto il calcio. Oppure potrebbe venire al derby accanto a me. Io con la fascia tricolore, lui vicino a me in tribuna".

Lazio o Roma? "Io tifo per tutte e due" dice il parlamentare azzurro. Quanto a degrado e sicurezza, Razzi ha già in mente la soluzione per Roma: ispirarsi alla capitale nordcoreana Pyongyang: "Dovremmo copiare da loro sia sulla sicurezza che sulla pulizia. Lì non trovi tutta la mondezza che c'è a Roma. Sarebbe un bene per i romani. Lì se vai a prendere la metro, puoi mangiare per terra, perché luccica, è pulitissima. Se io vado alla metropolitana di Roma, invece, mamma mia, si salvi chi può".

01-04-2016 19:38:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso