Castellammare. Attesa lunga, botte al San Leonardo: fratturate due dita a un infermiere


L’attesa è troppo lunga, così sfoga la sua rabbia contro un infermiere. Lo colpisce diverse volte e lo ferisce allo zigomo, alla fronte, arrivando a procurargli la frattura di due dita della mano destra. L’aggressione avvenuta sabato scorso è l’episodio più grave tra i quattro che- stando a una nota del sindacato Nursind -sarebbero avvenuti in poco più di un mese nel pronto soccorso del San Leonardo. E’ un clima pesantissimo quello che si respira nel reparto di frontiera dell’ospedale di Castellammare di Stabia. E giorno dopo giorno, la conta delle aggressioni a medici e infermieri si allunga. L’ultimo episodio è avvenuto nella giornata di ieri ed ha riguardato una dottoressa che ha dovuto proteggersi da un oggetto che le è stato scagliato contro da una paziente. Ha riportato una contusione al polso, nulla di grave, ma a causa dello stress la dottoressa ha deciso di terminare anzitempo il suo turno, con una prognosi di 3 giorni. Quando va bene- si fa per dire -il personale è costretto a beccarsi gli insulti. Ma c’è anche chi ha dovuto parare il colpo dopo che le era stata lanciata contro una stampante. E’ il caso di un infermiera - l‘episodio è avvenuto 20 giorni fa -che ha riportato lesioni alla mano, giudicate guaribili in 15 giorni. Mentre un’addetta al triage, un mese fa, fu addirittura rincorsa lungo i corridoi dell’ospedale San Leonardo, dopo essere stata colpita.

 

Tiziano Valle

14-11-2017 10:18:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso