Inferno Vesuvio, ira de Magistris: «Attentato alla nostra terra, pene esemplari»


"Chi commette un omicidio in un attimo distrugge la vita di un persona. La cancella, in un momento. Chi incendia un bosco, una foresta, una montagna distrugge in pochi giorni quello che uomo e natura hanno realizzato per decenni, per secoli in alcuni casi. Esseri umani portatori di morte". Cosi' il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un post sul suo profilo facebook. "Gli incendi di queste ore, di questi anni - aggiunge -, stanno distruggendo i nostri paesaggi, la nostra bellezza, la nostra vita. L'incendio sul Vesuvio e' un attentato alla nostra terra. Non puo' rimanere senza colpevoli. I responsabili devono avere pena esemplare. Manca profondamente il senso della vita. Solo l'amore e la difesa della natura, l'amore e la difesa dei beni comuni, l'amore della vita e per le persone, danno un senso alla nostra esistenza. Altrimenti non ci possono essere gioia e felicita'. E' necessaria la rivoluzione delle coscienze per arrivare al cambiamento. La nostra stessa esistenza come pianeta e' in pericolo. Come si fa a non amare e rispettare la bellezza del creato, come si fa a sopravvivere nell'egoismo, nell'indifferenza, nel male. Si deve lottare in modo forte e determinato e trovare unita' e coesione tra i popoli. Certe volte sembra di stare in guerra. Nei miei, nei nostri occhi rimarra' per sempre il Vesuvio attraversato dal fuoco per dolo di alcuni e per colpa di molti. Una immagine che non meritavamo noi tutti che amiamo all'infinito la nostra terra. Terra mia diceva Pino, terra nostra. Difendiamola, ricostruiamola, rendiamola sempre piu' bella. Noi vinceremo questa guerra, ma dobbiamo volerlo in tanti. Non consentiamo piu' a nessuno di violentarci!", conclude il sindaco di 

17-07-2017 10:30:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso