La lettera di Crescenzio Sepe: l’amore è l’arma giusta in una società malata


Da Betlemme parte un messaggio assolutamente nuovo, che indica la strada della salvezza. L’uomo non è più condannato a soccombere sotto il peso delle sue colpe e dei suoi limiti, se sa raccogliere il messaggio che viene dal Natale. E’ messaggio di fraternità, di gioia, di felicità, che non è liberazione dalle fatiche, dalle sofferenze, dal dolore, ma è accettazione del Verbo, è scegliere la buona novella rappresentata dal Vangelo, è stare dalla parte di Cristo, anzi con Cristo.Non si tratta di una gioia effimera, quella gioia che vogliamo legare al soddisfacimento delle nostre aspirazioni, delle nostre ambizioni, dei nostri desideri, più o meno legittimi ma sempre precari. E’ piuttosto la gioia che, nel vissuto autenticamente cristiano, proviene dall’ascolto della Parola, dalla fedeltà a Cristo, dalla serenità dell’animo, dalla pace con se stessi e con gli altri, dall’attenzione ai fratelli in difficoltà, dall’accoglienza del diverso, dalla cura dei bambini, dalla condivisione della sofferenza, dalla prossimità ai poveri, dal rispetto della persona. Vissuta così la vita non è più un peso, ma un meraviglioso e gradito itinerario umano. Certo, stando alla dimensione dell’attuale società liquida e malata, resistono le ingiustizie, le maldicenze, le violenze, le malattie, le illegalità, i soprusi, la mancanza di lavoro, le povertà, ma tutto diventa più sopportabile e tutto può cambiare se sappiamo raccogliere il messaggio di amore e di gioia che viene dalla grotta di Betlemme.

24-12-2017 10:35:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso