Migranti: nel 2017 sbarchi già sopra quota 20mila, +40% rispetto a un anno fa


Con la bella stagione alle porte sono già circa 21.000 i migranti sbarcati in Italia nel 2017, il 40% in più rispetto allo stesso periodo del 2016, che alla fine fece registrare il record, con 181mila arrivi. Ieri, in particolare, è stata una giornale campale con ben 22 operazioni di soccorso coordinate dal Comando generale delle Capitanerie di Porto nel Canale di Sicilia e 3.300 persone salvate. Guinea (2.378), Nigeria (2.088), Costa d'Avorio (1.823) e Bangladesh (1.554) i principali Paesi di provenienza dei migranti. I minori non accompagnati hanno già superato le 2.200 unità, dopo i 25mila dello scorso anno. Messa a dura prova la macchina dell'accoglienza, che deve gestire 174mila persone, la maggior parte (136mila) in strutture temporanee. E' la Lombardia ad ospitare più immigrati (23.408, pari al 13% del totale), seguita da Campania (14.870), Lazio (14.646) e Piemonte (14.030). Il Viminale ha predisposto una piano di accoglienza per 200mila, che andrebbe aggiornato nel caso di superamento del numero previsto. I Comuni che ospitano sono 2.800 e l'obiettivo di ministero ed Anci è di aumentarli, favorendo l'accoglienza diffusa e capillari, con piccoli numeri, più facilmente gestibili. Per i Comuni fino a duemila abitanti il Piano prevede un 'peso' massimo di sei migranti; per le 14 Città metropolitane 2 ogni mille abitanti e per il resto dei Comuni tra 3 e 3,5. Infine, il capitolo relocation, che avrebbe dovuto dare un pò di respiro all'Italia, stenta ancora a decollare anche se qualcosa si sta muovendo. Ad oggi sono 4.170 i richiedenti asilo trasferiti in altri Paesi europei secondo il piano della Commissione che però prevedeva 40mila ricollocamenti dall'Italia in due anni.

20-03-2017 19:14:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso