Omicidio Barbaro ad Ercolano: "Un bambino aiutò gli assassini"


Ercolano. Per la camorra l’innocenza di un bambino è come un’arma. Uno scudo che serve a proteggere dall’ombra del sospetto. 

Dopotutto chi immaginerebbe mai che un killer giri in motorino assieme a un bambino per stanare i suoi nemici? Chi penserebbe mai che un affiliato arrivi ad usare un ragazzino per colpire a morte un boss? Eppure negli angoli più bui della storia della camorra c’è anche questo capitolo. 

Ercolano, Italia 13 novembre 2009. A via Mare - traversina troppo stretta anche per un furgone - viene ucciso Salvatore Barbaro, vittima innocente della camorra. I killer scambiarono la sua auto per quella di un boss del clan Birra-Iacomino. Dopo sette anni vengono arrestati i presunti killer. Si apre il processo e sul banco dei testimoni finisce Antonella Madonna, super pentita del clan Ascione-Papale ed ex moglie del boss Natale Dantese. 

Lady camorra conferma quello che già aveva detto all’Antimafia. Dice che Barbaro è morto da innocente, ribadisce che a commettere il delitto fu Vincenzo Spagnuolo (già condannato a 30 anni in primo grado). Accusa il suo ex di essere il mandante del massacro. 

+++ leggi l'articolo completo OGGI in edicola su Metropolis Quotidiano +++

Ciro Formisano

21-04-2017 11:15:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso