Pagani. Gambino lancia la sfida a Bottone: "Si confronti sui conti"


Pagani. «Vi voglio incontrare». Alberico Gambino lancia la sfida al sindaco di Pagani, Salvatore Bottone, al presidente del Consiglio comunale, Antonio Donato e a tutta la maggioranza che amministra Palazzo San Carlo. A margine della conferenza tenuta a Salerno, il consigliere regionale si è soffermato anche sulla crisi politica in atto nella “sua” Pagani, chiedendo un confronto pubblico sui conti dell’Ente. «L’attuale sindaco di Pagani è stato prima presidente del Consiglio, poi vice sindaco e successivamente facente funzioni - la premessa di Gambino -. Nonostante tutto sono responsabile di tutto quello che è accaduto fino al 2009. Siccome conosco i loro modi di fare, ho chiesto pubblicamente un incontro per parlare dei conti. Venga il sindaco, il presidente del Consiglio, i tecnici. Tutti da una parte e io dall’altra. E vediamo realmente chi dice la verità e chi, invece, mente». 

Duro anche l’affondo sulla situazione politica paganese. Il consigliere regionale, infatti, ha chiesto alla maggioranza di staccare la spina all’amministrazione, mettendo fine all’esperienza politica di Salvatore Bottone alla guida della città dell’Agro Nocerino Sarnese. «Pagani è una città anestetizzata che sta attraversando un periodo bruttissimo - conclude l’ex sindaco -. Mi auguro che si possa voltare pagina nel più breve tempo possibile. Mi appello al buonsenso dei consiglieri visto che Bottone non ha recepito l’invito a dimettersi. Loro camminano per strada e percepiscono il malcontento della gente. Spero che, almeno loro, facciano qualcosa».

Filippo Notari

12-02-2017 17:00:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso