Pusher del clan Gionta sparito da due giorni, l'ultimo sms: "Non sopporto più questa vita"


Si è allontanato da casa da 48 ore. Un messaggio inviato alla compagna e poi è sparito nel nulla.  Di quel 22enne nessuna notizia. «Sono stanco e non riesco più a sopportare questa vita». E’ quanto scritto nell’Sms che il giovane di Torre Annunziata ha inviato alla moglie prima di far perdere le proprie tracce. 

Uno sfogo che in poco tempo è diventato un campanello di allarme e si è trasformato in una denuncia raccolta dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata che ora stanno indagando sulla vicenda. Un allontanamento probabilmente volontario ma dagli scenari inquietanti perché quell’uomo è considerato uno degli affiliati al clan dei Gionta. Ha 22 anni ed è finito più volte in manette con l’accusa di spaccio di droga. Il suo nome compare nelle informative delle forze dell’ordine. Nonostante l’età e già noto per essere uno spacciatore di punta a disposizione della famiglia dei Valentini. Nell’ultimo periodo, secondo quanto hanno raccontato i familiari al momento della denuncia ai carabinieri, aveva degli atteggiamenti sospetti ma non tali da far preannunciare un allontanamento. La certezza che l’uomo si è allontanato volontariamente è arrivata solo in tarda serata quando ha inviato un sms alla compagna rassicurandola che sarebbe rientrato a casa ma non subito perché «non ce la faccio più». 

+++ CONTINUA A LEGGERE SU METROPOLIS QUOTIDIANO +++ 

Giovanna Salvati

19-05-2017 12:25:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso