Scafati. Sequestrate 2 tonnellate di pesce in una pescheria


Nell'ambito della costante attività di vigilanza condotta lungo tutto il territorio di competenza compartimentale, finalizzata in particolare al controllo sulla commercializzazione dei prodotti della pesca, della vendita di prodotti ittici freschi ed alla somministrazione dei prodotti preparati, il personale militare dipendente la Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia è stato particolarmente impegnato in un'ampia operazione che ha interessato diverse pescherie della provincia. In particolare– ha segnalato il Comandante della Capitaneria di Porto stabiese, Capitano di Fregata Guglielmo Cassone– durante un controllo svolto in una nota pescheria del comune di Scafati si è provveduto al sequestro di 2.158 chilogrammi di prodotti ittici di vario genere, tra pesce e molluschi, mancanti della prevista documentazione di tracciabilità ed etichettatura, nonché immessi in acqua di dubbia provenienza, tale da ingenerare nel consumatore, l’erroneo e dannoso convincimento che il prodotto stava subendo un trattamento di stabulazione tale da poterlo dichiarare idoneo per il consumo umano. A seguito del rilievo di dette infrazioni sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare totale di euro 20.000, oltre alla sanzione accessoria della confisca del pescato detenuto. Il controllo della filiera della pesca prosegue, quindi, con tolleranza zero verso coloro che di fatto, effettuano attività illecite in materia di pesca e commercializzazione di prodotti ittici non tracciabili.

L’operazione odierna condotta dalla Guardia costiera stabiese si inserisce nell’ambito di una continua ed importante attività mirata a scongiurare che i prodotti ittici di origine non certa ed in quanto tali non controllati anche sotto il profilo sanitario, lungo tutta la catena commerciale, dalla produzione al trasporto, alla vendita all’ingrosso ed al dettaglio, possano arrivare sulle nostre tavole senza le opportune garanzie. Tale attività costituisce la prima forma di tutela per la salute del consumatore oltre che strumento volto al contrasto della pesca illegale che, di sicuro, fornisce prodotto ittico privo di qualsivoglia documentazione. Il Comandante Guglielmo Cassone ha tenuto a precisare che le verifiche e i controlli svolti continueranno nei prossimi mesi senza sosta per garantire il rispetto della legge per la corretta commercializzazione dei prodotti ittici, a garanzia della salute pubblica dei cittadini. Al termine delle operazioni una parte del quantitativo di prodotti ittici sequestrati, dopo gli accertamenti condotti da personale veterinario dell’ASL NA3 SUD, all’uopo intervenuti su esplicita richiesta dei militari, veniva dichiarato edibile al consumo umano è, quindi, donato in beneficenza ad enti ed istituti caritatevoli, tra cui alcuni istituti religiosi della zona che si occupano della crescita di piccoli bambini con alle spalle famiglie disagiate. 

31-10-2017 15:30:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso