Torre del Greco, Borriello premia il padre dell'ex ribelle: pace fatta tra miss giunta e Caldarola


Torre del Greco. Quando si è presentato al primo piano di palazzo Baronale per occupare il suo posto all’interno della segreteria del sindaco - un “premio” deciso da Ciro Borriello dopo i trasferimenti punitivi ordinati durante la “guerra fredda” in municipio - in molti si sono lasciati scappare un sorriso: «Adesso saranno scintille con il vicesindaco», la voce immediatamente circolata in municipio.

Perché porta a porta si sono ritrovati a lavorare la first lady Romina Stilo e l’ex ispettore del settore nettezza urbana Nunzio Caldarola, padre del ribelle di Forza Italia arrivato a chiedere proprio la “testa” della ricercatrice in genetica presso l’università degli studi del Sannio per rientrare in maggioranza. Una richiesta prima esaudita per strappare il “no” alla mozione di sfiducia presentata dall’opposizione e poi sconfessata con il recupero di miss giunta con i galloni di numero due.

Un “giochetto” davanti a cui Luigi Caldarola - eletto con la lista Borriello Sindaco e poi passato a Forza Italia, sotto l’ala protettrice di Severino Nappi - si è trovato costretto a fare buon viso a cattivo gioco, fino alla promozione del padre all’interno della segreteria del sindaco.

Davanti al fatto compiuto, la first lady della giunta si è chiamata lo “storico” nemico per un incontro chiarificatore: «Ci sono state incomprensioni in passato, ma adesso bisogna lavorare insieme», le parole di Romina Stilo al padre del soldato di via Lamaria. Parole accolte con un sorriso dall’ex ispettore della Nu, pronto a sua volta a sotterrare l’ascia di guerra. 
Una pace suggellata con un bacio e la promessa di chiudere i conti con il passato e aprire un nuovo corso. Un accordo in linea con le indicazioni “dettate” dal sindaco Ciro Borriello all’assessore-ombra Donato Capone, trait d’union tra Luigi Caldarola - adesso vicino all’ex consigliere provinciale costretto a lasciare la giunta dopo lo scoppio dell’ennesimo scandalo giudiziario a palazzo Baronale - e il vicesindaco Romina Stilo. 

Ma c’è chi in municipio è pronto a giurare che la tregua siglata dopo due anni di guerre intestine tra la first lady e i Caldarolas non durerà a lungo.

Alberto Dortucci

10-01-2017 13:27:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso