Torre del Greco, spedizione punitiva al porto: pregiudicato nel mirino di una gang di Torre Annunziata


Torre del Greco. Dai vicoli del centro antico di Torre Annunziata al porto di Torre del Greco per pestare a sangue un noto pregiudicato di corso Garibaldi. È successo intorno alle 16, quando la baby gang composta da quattro ventenni si è presentata nello storico fortino del clan Falanga: l’obiettivo - secondo la successiva ricostruzione degli uomini in divisa guidati dal primo dirigente Davide Della Cioppa - era un pregiudicato della zona porto, evidentemente ritenuto responsabile di qualche “sgarro” da lavare con il sangue.

Ma il rumoroso arrivo della baby gang non è sfuggito a una pattuglia di agenti di polizia impegnata in un ordinario servizio di pattugliamento del territorio. Durante le accurate perquisizioni personali, gli investigatori hanno ritrovato all’interno degli scooter una noccoliera e un tirapugni destinati a essere utilizzati per il pestaggio della vittima. Non solo: sempre all’interno del vano portaoggetti di uno scooter, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato una dose di canapa indiana.

L’intera banda è stata condotta in commissariato: i quattro - F.S., F.L., C.R. e L.C.F - sono stati denunciati a piede libero per detenzione abusiva di arma impropria, mentre tutti sono stati segnalati alla prefettura di Napoli come consumatori di sostanze stupefacenti. Alla luce della pericolosità sociale della banda, infine, gli agenti di polizia hanno ritenuto opportuno firmare per i quattro ventenni altrettanti fogli di via della durata di tre anni

twitter: @a_dortucci.

Alberto Dortucci

12-02-2017 15:50:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso