Movida violenta a Pompei, arrestati tre giovani di San Giuseppe Vesuviano


Gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato Pompei, ieri pomeriggio hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura presso il Tribunale di Torre Annunziata, nei confronti di tre giovani Vittorio Alberto Cosenza di 23 anni di San Giuseppe Vesuviano, Gianluca Casalino di 31 anni, originario di Ottaviano ed il 25 enne Francesco Troiano, originario di Pollena Troccia, residente a San Giuseppe Vesuviano, che dovranno rispondere di tentato omicidio e porto abusivo di arma. Cosenza e Casalino sono stati trasferiti nel carcere di Poggioreale, mentre Troiano è stato sottoposto agli arresti domiciliari. L’aggressione è avvenuta in centro a Pompei la notte del 9 aprile scorso, quando per motivi di viabilità i tre hanno avuto acceso diverbio con altri due ragazzi. Dalle parole si è poi passati all'aggressione a colpi di coltello. Una delle vittime soccorsa all'ospedale di Castellammare di Stabia per le ferite riportate, aveva riferito ai sanitari di essere stato aggredito, poco prima dell’una di notte, a Pompei, da un gruppo di giovani, mentre era in compagnia di un suo amico. Secondo la ricostruzione la vittima era stata attaccata da un giovane armato di coltello mentre gli altri due, bloccavano un eventuale intervento del suo amico, picchiandolo brutalmente. Le indagini, sono scattate subito dopo l’arrivo in ospedale Grazie all'acquisizione delle immagini delle telecamere di video sorveglianza cittadina, la polizia è riuscita ad individuare l’autovettura con la quale gli aggressori si erano allontanati ritrovando anche riscontro sul profilo Facebook di Casalino Gianluca,dove era ritratto in compagnia degli altri due “amici”, a bordo della stessa auto
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso