Orrore Isis, video shock: 19 giovani sgozzati e appesi al soffitto come bestie. IMMAGINI FORTI


Un gruppo di giovani sgozzati in un mattatoio come animali. E' il contenuto del nuovo agghiacciante video diffuso - in concomitanza con l'Eid al-Adha ('Festa del sacrificio') - dall'organizzazione del sedicente Stato islamico (Is) nella provincia di Deir Ezzor, nella Siria nordorientale, dove l'autoproclamato 'califfato' detiene il controllo di alcune aree. Come si legge sul sito di notizie siriano vicino all'opposizione 'Shaam', che ha pubblicato alcune immagini tratte dal filmato, si tratta di "uno dei più ripugnanti video diffusi dall'Is negli ultimi due anni". In quello che sembra essere un mattatoio, 19 giovani sono inginocchiati in fila con il viso contro il muro. Il boia ne sceglie uno, come si farebbe con un animale da sgozzare, e gli taglia la gola con un coltello per poi far scorrere il sangue in un canale di scolo e appendere il cadavere a testa in giù con dei cavi. "Voi celebrate il sacrificio, che Dio lo accolga; noi sacrifichiamo gli agenti dei crociati" afferma un miliziano prima di sgozzare le sue vittime, con riferimento al sacrificio degli animali con cui il mondo islamico ha celebrato ieri la conclusione del pellegrinaggio alla Mecca. Di questi giovani viene fornita la lista dei nomi e l'accusa: si tratterebbe di elementi vicini all'organizzazione incolpati di aver creato una cellula di spionaggio. In particolare, otto di loro erano incaricati di seguire i movimenti e le postazioni dell'Is, altri cinque di fotografare le sedi dell'organizzazione e i movimenti dei miliziani, altri sei di compiere azioni contro l'Is in cambio di denaro.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso