'Parco' a luci rosse a Napoli, 5 euro per la sosta e 20 per una prostituta


NAPOLI - Parco a luci rosse, arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione il 'gestore', Raffaele Esposito. Il 'parco' era sorto in via Sponsillo, sotto uno dei cavalcavia dell' autostrada A3, su un terreno che era stato suddiviso in quindici 'aree di sosta', delimitate da tende di plastica, dove venivano posteggiate le auto per consumare gli incontri sessuali.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso