Sequestro da 2mln: finto bracciante che assaltava i Tir, in casa compri wc tempestato di gemme


Nel fermo immagine del video dei carabinieri, un momento dell'operazione che ha portato al sequestrato di beni per due milioni di euro ad Antonio Agresti, di 45 anni, di Andria, accumulati - secondo i militari - grazie ad alcune spettacolari rapine compiute nel Nord Italia da una banda che agiva armata anche con kalashnikov, 24 gennaio 2017. Agresti dichiarava redditi esigui come bracciante agricolo, ma in realtà era milionario. Tre assalti ai portavalori sulla A9, in provincia di Como, fruttarono ai rapinatori 1,5 milioni in contanti e 2,5 quintali in lingotti d'oro, per un valore di quasi 10 milioni, oltre a gioielli per mezzo milione. Proprio un lingotto da sei chili, del valore di 200mila euro, fu stato trovato nel vano ascensore, nel 2013, durante una perquisizione a casa dell'uomo, condannato alla pena definitiva di 20 anni per rapina. Il sequestro di oggi riguarda una villa di lusso, 3 uliveti, un'auto, un motociclo e cinque conti correnti. Nella villa, oltre all'ascensore interno, c'era un grande vasca idromassaggio e un copri water in pelle imbottita tempestato di pietre decorative.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso