Torre Annunziata: viaggio tra gli sfollati del rione Carceri


Un’altra notte trascorsa sotto una tenda. Un’altra notte a pregare affinché quel tetto fatto di stoffa e plastica tenda e non ceda come le loro case. Per due delle famiglie che da sabato vivono in una tenda il dramma continua e ad aggravare la loro situazione anche il maltempo che sembra peggiorare. Sono stati allontanati dalla loro casa di via Agricoltori nella quale non potranno più entrare perché completamente pericolante e per ora l’unica alternativa è vivere in quella tenda. «Non possiamo continuare a vivere in una tenda - raccontano - è il nostro terzo giorno e ci sembra di vivere in un incubo, siamo tornati al tempo del terremoto e l’amministrazione comunale non può consentire che viviamo per strada». Le famiglie sgomberate da via Agricoltori sabato pomeriggio sostengono di «essere in graduatoria - spiegano - sono quattro anni che presento al domanda ed invece sono costretto ad occupare case abusivamente in via Giardino». Hanno pranzato sotto la tenda e c’è chi ha preferito far dormire i figli da parenti e non sotto la tenda. «Ho ceduto la mia tenda alla famiglia che aveva una bambina disabile - spiegano ancora - perchè in quella purtroppo pioveva».
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso